Projects

BOATNOW

 

BOATNOW

La storia, un lago e un battello: ecco i tre elementi che Loris Trotti e Ramon Montanes sono riusciti ad unire in un progetto dal respiro turistico.

Dopo la realizzazione dell’App in realtà aumentata “LugaNow”, che permette di scoprire come appariva Lugano molti anni fa, i due giovani ideatori hanno escogitato un concetto più accattivante per illustrare alla popolazione locale e
ai turisti le peculiarità che un tempo caratterizzavano le rive del lago Ceresio. È nato così il progetto BoatNow, ovvero il primo metodo per viaggiare nel tempo.

Una volta che il battello “Italia” lascerà gli ormeggi e comincerà a navigare sul Ceresio, attraverso dei finestrini speciali si
inizierà a tornare indietro negli anni: quella che l’utente vedrà scrutando attraverso il vetro, sarà infatti una ricostruzione dell’area lacuale e rivierasca di molti decenni oro sono, arricchita da informazioni pertinenti.

Un esempio: il battello Italia sta navigando nei pressi di Lugano e l’utente a bordo dello scafo guarda attraverso il finestrino in direzione della città: quello che vedrà non sarà la Lugano attuale, bensì quella d’antan.
Il sistema è infatti geolocalizzato, di modo che delle immagini storiche si attivino sugli schermi in corrispondenza di determinati punti di interesse.
È chiaro che un’iniziativa del genere rappresenta una prima assoluta a livello svizzero, se non a livello mondiale, e pertanto si pone quale punto di forza del Lago Ceresio. Un’attrazione turistica che, inoltre, funge
da trait d’union tra i vari Comuni lacustri.

In questo senso, la Società di Navigazione del Lago di Lugano (SNL), da subito molto affascinata da tale iniziativa, si è attivata per dar man forte a Trotti e Montanes, invitando i Comuni affacciati sul Ceresio a voler
contribuire alla concretizzazione del progetto. A fare da pendant a BoatNow, ci sarà infine un libro digitale interattivo, la cui pubblicazione è prevista nel 2018 allo scopo di celebrare i 170 della SNL.

 

 

 

 

LUGANOW

 

LUGANOW

LugaNow è nato nel febbraio del 2012, quando Loris Trotti e Ramon Montanes-Rossi hanno cercato di finalizzare le proprie competenze in vista di un progetto inedito, utile, e in grado di catturare una larga fetta di pubblico. La soluzione più scontata per abbinare le conoscenze storiche-letterarie di Trotti a quelle mutuate nel settore della grafica e della tecnologia da Montanes, sembrava condurre verso la redazione di un libro, il tutto, però, a discapito dell’ingrediente innovativo. Dunque, invece di optare per libri tascabili a portata di mano, Trotti e Montanes hanno sviluppato il concetto di enciclopedia temporale a portata di smartphone: è così nata l’App di LugaNow, una macchina del tempo con cui poter sbirciare nel passato o nel futuro di Lugano, costantemente accompagnati da informazioni puntuali.